Articoli scritti da Greta

Più passano gli anni, più si rinnovano i materiali specifici per la realizzazione degli ambienti bagno.

Ora prenderemo in considerazione alcuni tra le materie più utilizzate e che garantiscono le migliori prestazioni e la minor usura nel tempo:

  • Corian®
  • Fenix
  • Hpl

Il Corian®  e’ sicuramente il più conosciuto tra i nuovi rivestimenti, questo speciale materiale è estremamente resistente alle aggressioni atmosferiche, non si sfalda, resiste bene agli urti, ai tagli ; il Corian® è un prodotto solido, non poroso e omogeneo che resiste all’usura del tempo, rimanendo inalterato nel corso degli anni. Resistente alle macchie perché non poroso, Corian® è un materiale per superfici estremamente sicuro.  E’ composto per circa 1/3 da resina acrilica di alta qualità e 2/3 da minerali naturali (triidrato di alluminio) con aggiunta di pigmenti colorati.  Corian® è rinnovabile: può facilmente essere riparato e ripristinato.

Fenix nato dai laboratori di Arpa Industriale grazie alla ricerca sulle nanotecnologie, è creato con resine acriliche termoplastiche. La superficie di questo materiale è opaca e con l’esposizione alla luce diretta del sole non scolorisce, è inoltre anti-impronta. Le superfici sono riparabili termicamente dai micro-graffi e altamente resistenti ad abrasioni, urti, graffi e calore secco. È anti-muffa e anti-statico, quindi non dovrete preoccuparvi neanche della polvere.

 Laminato HPL è un materiale da rivestimento composto da diversi strati di carta Kraft naturale e decorata, mescolati a resine fenoliche e melamminiche. Questo composto viene sottoposto a una combinazione di pressione e alta temperatura, arrivando quindi alla modalità in cui siamo abituati a vederlo. Come già anticipato una delle caratteristiche fondamentali di questo materiale è la resistenza: all’impatto, ai graffi, all’usura e alla temperatura. Oltre alla temperatura, il laminato HPL è resistente alla luce: non subisce i raggi UV e non è soggetto a scolorimento, mantenendo quindi la sua nuance inalterata nel tempo.

 

Menu